Citizen Chromo-Graph, il quotidiano … eccezionale

Una delle innegabili qualità di Citizen è indiscutibilmente quella di saper rendere eccezionale ogni suo prodotto, anche quelli concepiti per un uso quotidiano.

Questo mi pare l’argomento adatto per festeggiare il 200° articolo ospitato su questo Blog.

Abbiamo spesso avuto esempio di quanto la casa giapponese abbia saputo modificare il nostro modo di pensare il tempo, pur senza rivoluzionare l’immagine.

Mi spiego meglio: accostando un orologio Eco-Drive, ad un normale quarzo, ci accorgiamo che il valore aggiunto è esclusivamente tecnico e pratico, mentre nessun tributo va pagato all’estetica dell’orologio, che rimane perfettamente coerente al gusto e al trend del momento.

Per questo motivo mi ha colto di sorpresa, devo dire in modo piacevole, la presentazione del Cosmo-Graph, quello che può essere definito il modello-simbolo della collezione 98/218 di inizio 2012.

In questo specifico modello Citizen pare aver rotto gli indugi, ed ha accostato l’immagine di un orologio performante ma di chiara collocazione nell’ambito di un uso giornaliero, a quella super-tecnologica del suo favoloso e ormai introvabile Satellite-Wave.

Il messaggio appare chiaro e forte: in un futuro ormai prossimo tutti gli orologi saranno così!

Per Citizen pare non esistere il concetto di superlatività: tutto deve essere eccezionale nell’ambito del proprio range.

Solo così si spiega l’eccellenza del colosso giapponese in ogni fascia di prezzo da esso aggredita con i suoi prodotti.

Ecco perchè il possessore di un Citizen CA0289-00E Cosmo-Graph può essere altrettanto fiero del fortunato proprietario di un

Satellite-Wave: entrambi hanno avuto il massimo poissibile e tutto quanto hanno richiesto al momento dell’acquisto, nella fascia di prezzo che a loro interessava in quel momento.


3 Commenti

  1. TORRE FABIO

    Buonasera a tutti,

    Si Enrico, anche io sono di questa opinione. E lo sono perchè, (almeno così mi accade), e anche questa volta, quando è uscita la serie 98/218 li per li ho detto “Va bè è un’ecodrive…, invece vedendolo dal vivo toccandolo, anche questa volta mi sono detto “Anche questo ha qualche cosa di più….”, e sono rimasto favorevolmente colpito ad esempio dal cinturino che è di una morbidezza incredibile, ti dà la certezza, che non sia un cinturino di gomma o caucciù normale, insomma ti chiedi “ma questo prima che si rompa….” Sono sicuro di dire che in Citizen, nulla è fatto per fare…
    Ho aperto un’articolo per gli auguri, ma non so se verrà pubblicato, quindi mi ripeto qua: Auguri a TUTTI, e grazie di avermi fatto conoscere questo forum e le belle persone che lo frequentano.

  2. mirko017

    Buongiorno a tutti,
    anch’io sono rimasto sorpreso quando e’ stato presentato il Chromo-Graph, ma, a differenza di Enrico, non in modo piacevole.
    Sara’ che sto invecchiando, ma gli orologi con “effetto plastica” e cinturino in gomma non mi entusiasmano piu’.
    Questo orologio fa parte, come ricordato, della collezione 98/218 (questi numeri indicano rispettivamente il prezzo piu’ basso e quello piu’ alto all’interno della collezione) ed ha un prezzo di 218 Euro, quindi si colloca al limite di prezzo superiore.
    Ma allo stesso prezzo e nella stessa collezione si puo’ acquistare il modello Crono Adventure Titanio, che certamente ha un’estetica meno innovativa, ma secondo me offre piu’ “sostanza”.
    Insomma, da Citizen mi aspetto qualcosa di piu’: per acquistare un orologio che sia (o che sembri essere) fatto di plastica posso orientarmi sul listino Casio che offre anche modelli a carica solare e radiocontrollati ad un prezzo competitivo.
    Spero vivamente che non sia questa la tendenza per le prossime realizzazioni Citizen.
    Saluti.

  3. a mio parere è importante che CITIZEN sia aperta a tutti i settori , anche a quello relativo a orologi con un’immagine più giovane , senza che venga meno la qualità e l’innovazione che ogni orologio CITIZEN porta con se

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *