Il valore, qualcosa che resta nel tempo.

Questa mattina, puntuale come un “OROLOGIO GIAPPONESE” 🙂 alle 7,30 colazione al bar di fiducia e lettura del mio quotidiano preferito dove trovo inaspettatamente un articolo o forse per meglio dire una lettera aperta del Dott. Dante Grossi, amministratore delegato Citizen Watch per l’Europa dal titolo: “il valore, qualcosa che resta nel tempo.“.

Vorrei condividere con voi le sue parole anche attraverso CITIZEMANIA, si tratta di una lettera con alcune riflessioni e sollecitazioni, non su temi politici ma sul mondo dell’orologio, sebbene a mio parere tra le righe c’è una frase che in particolar modo mi ha fatto personalmente riflettere moltissimo; “La gente conosce il prezzo di tutto e non sa il valore di niente”, trovo sia davvero saggia ed azzeccata anche per molte altre cose.

Adesso vi lascio alla lettura e vi ricordo che i commenti come sempre sono liberi e benventuti.

Già due secoli fa, il famoso scrittore Oscar Wilde aveva intuito il senso di smarrimento del valore, enunciandolo in uno dei suoi più noti aforismi “La gente conosce il prezzo di tutto e non sa il valore di niente”.

Sempre più spesso si spende e anche tanto, per apparire, assicurarsi un effi mero status symbol, ma non sempre si ottiene la qualità, e la sensazione che si percepisce è quella di non aver acquisito valore, di non aver fatto un buon investimento.

Un orologio Citizen è a tutti gli effetti un investimento e non una semplice spesa. Perché?
Perché in un orologio Citizen c’è prima di tutto il più grande dei valori, il rispetto:per le persone che lavorano con noi e per tutti i nostri estimatori, che ogni giorno sempre più numerosi, ci scelgono.

C’è innovazione, ricerca e tecnologia avanzatissima: prendiamo come esempi, tutta la precisione della collezione Radiocontrollato e l’inimitabile perfezione del sistema Eco-Drive, tecnologie uniche al mondo e rispettose dell’ambiente. La batteria in Citizen è preistoria.
C’è la ricerca dell’eccellenza: utilizziamo materiali di primissima scelta, supertitanio, zaffiro, solo per citarne alcuni; sofi sticata ricerca del design, robustezza assoluta, tutte caratteristiche salienti di un processo di controllo che non ammette imperfezioni.

C’è poi la cura scrupolosa del consumatore, che può contare sul supporto di oltre 3.000 esperti che nei loro punti vendita lo aspettano per aiutarlo a valutare la qualità dei nostri prodotti e a toccare con mano, così come si analizza un prodotto alimentare (provenienza, ingredienti, scadenza…)
tutto ciò che meticolosamente e in maniera cristallina, promuoviamo nelle nostre tantissime comunicazioni.

Siamo famosi, infatti, per mantenere sempre ciò che promettiamo, perché quando si compra e meglio ancora, quando si investe, la qualità viene sempre prima di tutto.
“E tutto questo per dirvi semplicemente che acquistare un orologio Citizen, vuol dire spendere il giusto prezzo sempre, che siano le collezioni da 90 euro o quelle sofi sticate da 750 euro, perché con Citizen investite in qualità e convenienza ineguagliabili.”

Fate un’esperienza piacevole e gratifcante che non lascia quella spiacevole sensazione di spreco, tipica di spese effi mere, perché un orologio Citizen è un investimento, è come un amico, depositario di grandi valori che resistono indenni nel tempo.


5 Commenti

  1. Buona sera a tutti,volevo condividere in toto con l’articolo dell’amministratore Dott. Dante Grossi sopra citato,e prontamente reso noto sul sito dal sig.Fabio,sulla serietà della Citizen e dei suoi prodotti ad alta tecnologia che accompagnati da un costo accessibile possono essere posseduti da tanti o meglio da tutti coloro che l’ho desiderano.Possedere un Citizen non è un sogno irraggiungibile per chi ama l’orologio,come potrebbe esserlo per molti status-symbol in cui più che l’essere conta l’apparire,però costoro rinunciano ad un piacere tecnologico come l’eco-drive o il radiocontrollo,ora quasi nella totalità del globo con l’Evolution5,senza naturalmente dimenticare l’ultimo nato controllato dal satellite,e questo purtroppo resterà un mio desiderio irrealizzabile,sia per il costo,intendiamoci,non esoso per il prodotto rivoluzionario qual’è,sia per la produzione limitata che n’è aumenterà il valore.Io mi accontento del mio Pilot radiocontrollato in titanio che da cinque anni è sul mio polso senza nessun problema,e dell’ultimo acquisto recente l’Evolution5 Sport quadrante blu,eccezzionale veramente,come diceva il buon Abbatantuono.Ringrazio la Citizen per avermi dato l’opportunità di indossare questi gioielli,aspettando con curiosità di conoscere le prossime innovazioni che sicuramente saprà renderci partecipi.Un cordiale saluto a tutti gli amanti delle macchine del tempo.

  2. Salve, concordo in toto con l’articolo del dott. Grossi, è qualcosa che ho sempre pensato e sostenuto da quando conosco Citizen, avere tra le mani un prodotto innovativo fatto bene con materiali sempre all’apice della tecnica, con la facilità di possederne uno perchè alla portata di tutti è un concetto semplice ma grande nello stesso tempo.

  3. mirko017

    Buongiorno a tutti,
    l’articolo del dott. Grossi e’ certamente condivisibile, almeno per quanto mi riguarda. Del resto se non avessi fiducia nei prodotti Citizen non avrei 17 orologi di tale marca.
    In pratica si ribadisce il concetto che “e’ meglio essere che apparire”, anche se purtroppo sappiamo che sempre piu’ spesso oggi troppi si preoccupano principalmente di apparire.
    Ho solo qualche dubbio sulla frase “…puo’ contare sul supporto di oltre 3.000 esperti…”, nel senso che non sono poi tanto sicuro che tutti i rivenditori siano cosi’ esperti, ma non e’ questo il punto.
    Piuttosto mi sfugge la ragione per cui il dott. Grossi abbia ritenuto necessario pubblicare tale articolo.
    Considerando che e’ apparso a pagina intera su diversi quotidiani, quindi anche con un esborso non trascurabile, sembrerebbe quasi che tale articolo nasca dalla volonta’ di promuovere ulteriormente il marchio Citizen in un momento difficile o addirittura dalla necessita’ di difenderlo da eventuali accuse di scarso valore e/o scarsa qualita’, accuse che, almeno per quanto ne so io, non mi pare siano mai state formulate.
    I latini dicevano “Excusatio non petita, accusatio manifesta”, ma sono certo che non e’ questo il caso.
    Saluti.

  4. Salve, ritengo doveroso segnalare l’efficienza del servizio assistenza Citizen. Ho fatto presente al locale concessionario Citizen “Spoto 1911” che a causa della conformazione della zona dove risiedo, Modica (Rg), avevo necessità del Citizen Wave Receiver e mi è arrivato nel giro di pochissimi giorni.
    Un servizio assistenza davvero ineccepibile.

  5. mirko017

    Ciao Casezi,
    diciamo che il tuo caso e’ l’esempio di come dovrebbero andare le cose se tutto funzionasse sempre nel modo giusto.
    Purtroppo non e’ sempre cosi’ e tra gli utenti di questo blog ce ne sono diversi, tra cui anch’io, che per ottenere il Wave Receiver hanno dovuto anche litigare o che ancora non sono riusciti ad ottenerlo.
    E’ bello comunque che tu abbia segnalato il corretto comportamento del tuo concessionario, perche’, cosi’ come ci si lamenta degli aspetti negativi, e’ giusto sottolineare quelli positivi.
    Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *