Scopriamo la storia del NOSTRO Citizen

Dedico quest'articolo all'intelligente intuizione del nostro lettore mirko017, che ha intuito una parte importante della chiave di lettura dei codici seriali Citizen.

Osservando da competente i seriali e in ambito di discussione sul nostro blog, mirko017 ha ipotizzato che la prima e la seconda cifra dell'ultimo numero inciso sulla cassa degli orologi Citizen, e che segue i codici che nell'ordine indicano modulo, caratteristiche costruttive e dettagli della cassa, possano indicare anno e mese di produzione.

In effetti ho verificato su un gran numero di Citizen dell'ultima generazione, e ho constatato che l'analisi è assolutamente verosimile, per cui ho deciso di “adottarla”.

Prendiamo ad esempio il numero completo di codice e seriale che figura sul fondello del Pilot di mirko017: H461-T004423 Y GN-4W-S 421916.

Consideriamo ora il numero seriale 421916. Ebbene il “4” indicherebbe che quello specifico orologio è stato prodotto nel 2004, mentre il “2” che segue ci direbbe che è “nato” nel mese di febbraio. Di conseguenza il 1916 sarebbe il numero progressivo di produzione di quello specifico modello.

Detto questo, avremmo dedotto che l'rologio di mirko017 sarebbe il 1916° Pilot nella versione con cinturino in kevlar, prodotto nel febbraio del 2004.

A questo punto potremmo divertirci a risalire all'anno e mese di produzione del nostro Citizen e anche a calcolare empiricamente la tiratura (e quindi rispondere al quesito posto da GiorgioB che ha di fatto scatenato la ricerca di mirko017)

Non c'è che dire: anche grazie al dinamismo dei nostri lettori, Citizen diventa oggetto di studio e divertimento!

Restiamo in attesa di scoprire i segreti dei codici ancora più nel dettaglio: una volta riusciti nell'intento saremo in grado di conoscere tutti i dati “anagrafici” e “somatici” dei nostri orologi e di quelli di amici e colleghi, anche senza averli direttamente sotto mano.


8 Commenti

  1. mirko017

    Troppo buono Enrico,
    in realta’ ho un piccolo dubbio a proposito di questa teoria dovuto al fatto che i mesi sono 12 e quindi non basta una sola cifra per indicarli tutti (a meno di non usare anche lettere come avviene nel sistema di numerazione esadecimale).
    Per fugare questo dubbio bisognerebbe avere un esemplare di cui si e’ certi che e’ stato prodotto ad esempio a novembre e vedere che codice ha.
    Per esempio sul retro del mio recente World Timer ci sono i seguenti codici:
    H144-S067391 091020272
    Io l’ho acquistato lo scorso mese di novembre e credo che la produzione di questo modello sia iniziata nel 2010.
    Quindi, in base alla teoria sopra esposta potremmo intendere che e’ stato fabbricato a settembre 2010, ma a quel punto 1020272 esemplari gia’ prodotti mi sembrerebbero troppi.
    Un’altra interpretazione e’ che Citizen abbia modificato la codifica indicando mese e anno, entrambi con due cifre: in questo caso risulterebbe fabbricato a settembre 2010 e sarebbe l’esemplare 20272.
    Chissa’…?!?
    Il mistero s’infittisce.
    Saluti.

  2. Ciao raga.
    Ecco un altro dato per arricchire le nostre nozioni volte a interpretare i codici: ho notato un orologio recente le cui prime cifre comprendevano una O e uno 0 (ovvero una lettera “O” Oscar e un numero “0” come zero).
    Come interpretare il codice?
    Per ora non vi dico la posizione delle due cifre: secondo voi come vanno ordinate e cosa significano.
    Ripeto le parole di mirko017:”… il mistero s’infittisce …”.
    Salutoni

  3. mirko017

    Anch’io ho un modello, precisamente il calibro E2100 Riserva di carica, che ha il seriale che nelle prime due posizioni ha sia la lettera “O” sia lo zero.
    Inoltre girando su internet ho trovato un altro modello in cui compariva la lettera “N”.
    Se e’ vero che tre indizi fanno una prova, basterebbe trovarne un’altro con la lettera “D” e si potrebbe concludere che:
    O = Ottobre
    N = Novembre
    D = Dicembre
    e questo risolverebbe il problema dei mesi con due cifre (10, 11 e 12).

    Ora, supponendo di aver quasi chiarito completamente il significato dei primi due caratteri (?), ho notato che le cifre successive spesso sono quattro, ma altre volte sono sette.
    Inoltre ho constatato che nel mio World Timer le ultime sette cifre sono 1020272 e nel Riserva di carica sono quasi uguali, ossia 1020072, e nel Crono Field sono 1020320.
    Viene spontaneo pensare che, visto che iniziano tutte con 1020, tale codice abbia qualche significato che pero’ al momento mi sfugge…!
    Mi rendo conto che l’ora e’ tarda….e vi ho gia’ annoiato abbastanza con queste elucubrazioni, pertanto chiudo.
    Buonanotte.

  4. mirko017

    Ho trovato la foto che cercavo.

    http://watch-tanaka2.sub.jp/citizen/ATD53-2872/

    Nella terza foto partendo dall’alto si vede chiaramente un numero seriale in cui il secondo carattere e’ la lettera “D”.
    Saluti.

  5. smongiardo

    Intanto saluti a tutti e Buon Natale a voi ed alle Vs famiglie…
    Vorrei dare anche io un piccolo contributo al “mistero dei codici”
    ho appena ricevuto un Crono Pilot Radiocontrollato e come numero di cassa ho il seguente:
    “E670-S035899 HST 040004 GN-4W-S 12G”
    quindi se non ho capito male dovrei avere un modello prodotto nel 2010(??) ad aprile ed essere il 0004 di quella serie…correggetemi se sbaglio…
    Buon Natale
    Salvatore

  6. mirko017

    Buongiorno a tutti,
    ho deciso di riprendere questa discussione sul significato dei numeri seriali prendendo spunto dal numero presente sull’ultimo modello che ho acquistato.
    Si tratta del AT4009-59L, una versione speciale prodotta in serie limitata di 1000 pezzi (numerati singolarmente, il mio e’ il 970) presentata lo scorso mese di novembre e disponibile solo negli Stati Uniti.
    Ebbene, i codici presenti sul fondello della cassa sono i seguenti:
    E650-S077401 1N1020970 970/1000
    Concentriamoci sul codice di nove caratteri 1N1020970.
    La prima cifra, ossia “1”, sta per 2011 ed e’ quindi l’anno di produzione.
    Il secondo carattere, ossia “N”, indica il mese di produzione: per i mesi da gennaio a settembre vengono usate le cifre da 1 a 9, mentre per ottobre novembre e dicembre si usa l’iniziale del mese, quindi “O”, “N” e “D”.
    Le ultime quattro cifre, ossia “0970”, indicano il numero progressivo dell’esemplare in oggetto: in questo caso e’ facile verificarlo perche’ il mio e’ proprio il numero 970 su una serie di 1000.
    Resta da capire il significato delle tre cifre che seguono il mese, ossia “102”: l’ipotesi piu’ probabile e’ che tale sigla si riferisca in qualche modo allo stabilimento di produzione.
    A tal proposito ho anche provato a chiedere delucidazioni al supporto internazionale: mi hanno cortesemente risposto in meno di 24 ore dicendomi genericamente che il numero seriale e’ un codice che contiene informazioni sull’anno e sul mese di fabbricazione, sulla fabbrica e sul numero progressivo (come del resto avevo gia’ intuito), senza pero’ entrare nel dettaglio delle singole voci “per non svelare informazioni che potrebbero favorire la contraffazione” (testuali parole loro…).
    Aggiungo che su tutti i Citizen che ho acquistato nell’ultimo anno compare sempre la sigla “102”.
    C’e’ da dire che in passato il codice era piu’ corto (solo 6 caratteri) perche’ in pratica mancava la sigla “102”, ma il significato era analogo.
    Pertanto adesso ciascuno, se vuole, puo’ divertirsi a decifrare il periodo di fabbricazione del proprio orologio.
    Saluti.

  7. scusa mirko017 io ho comprato l’anno scorso più precisamente a novembe per il mio compleanno ,e il mio citizen crono pilot titanio riporta queste cifre 980268 ,vorresti dirmi che è stato prodotto nel 2009 praticamente 2 anni che è fermo,potresti illuminarmi e dirmi un orologio eco drive tenuto bene quanto può durare grazie.

  8. Ciao vincenzo,
    immagino che sul tuo Crono Pilot la sequenza dei codici sulla cassa sia qualcosa del tipo:
    E670-S****** 980268
    Se e’ cosi’, effettivamente dovrebbe essere stato prodotto nell’agosto del 2009.
    Se invece il codice che dici tu si trova nella posizione che io ho indicato con gli asterischi allora stai leggendo il codice sbagliato.
    Comunque, a prescindere da questo, il mio primo Eco-Drive risale al 2000, quindi ormai ha 12 anni suonati, e funziona ancora regolarmente.
    Certo e’ difficile prevedere con esattezza la durata di un orologio, anche perche’ ogni singolo esemplare di uno stesso modello potrebbe fare storia a se’.
    Diciamo che in condizioni di funzionamento corrette eì lecito aspettarsi una durata di alcune decine di anni.
    Bisogna poi intendersi se tu col termine “durata” ti riferisci a tutto l’orologio o solo all’accumulatore.
    In questo secondo caso proprio qui su Citizenmania e’ stato pubblicato un articolo che parlava della durata degli accumulatori Eco-Drive.
    Ti invito quindi a leggerlo.
    Saluti.