Satellite Wave superato prima ancora di nascere?

Buon giorno a tutti e complimenti per il bellissimo sito, sempre pieno di notizie interessanti dal mondo Citizen.
Cercando informazioni riguardo una commercializzazione su larga scala di orologi satellitari Citizen (vorrei comprare un radiocontrollato ma se poi tra 6 mesi mi esce il satellitare : ..) ho trovato un’ articolo riguardo il Seiko Astron, che sembrerebbe possedere le stesse caratteristiche del Satellite Wave, anzi qulacosa in più, ovvero la sincornizzazione con più satelliti per stbabilire automaticamente il fuso orario.
Credevo che la tecnologia satellitare sarebbe rimasta prerogativa di un solo brend per più tempo!
Magari riuscite a dare qualche nuova info

sui satellitari Citizen o utilizzare il post come spunto per una discussione.
Grazie in anticipo!


28 Commenti

  1. Buongiorno gex85.
    Grazie per i complimenti.
    Il Seiko non fa che sfruttare la tecnologia GPS grazie alla quale localizza la posizione dell’orologio.
    Il sistema di ricezione è completamente diverso: Seiko fa riferimento a quattro satellite che devono essere contemporaneamente ricevibili, pena la mancanza di segnale sull’apparato ricevente e quindi la fallita ricezione.
    Citizen invece si avvale della ricezione contemporanea ma non complementare di 24 satelliti, per cui è sufficiente che uno solo sia in contatto con l’orologio per dare responso positivo alkla ricezione.
    Inoltre occorre considerare che il Citizen Satellite Wave è in contatto con satelliti distribuiti in modo da garantire presenze plurime costantemente sopra la linea di orizzonte.
    Ne deriva quindi che il sistema satellitare di Citizenb risulti attualmente il più affidabile tra quelli ora disponibili sul mercato.
    Riguardo alle perplessità relative all’acquisto di Radio-Controllato o Satellitare, direi che le due categorie dovrebbero continuare ad esistere parallelamente, in quanto copriranno fasce diprezzo diverse.

  2. TORRE FABIO

    Ciao Enrico,
    Scusa, ma non ho capito. Il seiko usa GPS per collegarsi, dico bene? e citizen che sistema usa? ossia quale diavoleria tecnica fa captare il segnale tra satellite e orologio? E’ sempre una frequenza radio?
    Saluti a tutti

  3. Grazie delle delucidazioni!
    Ancora non faccio parte della famiglia Citizen, ma spero di entrarvi presto 🙂 già mi sento legato a questo marchio! Mi fa molto piacere sapere che non vi è stato alcun sorpasso, ma un uso differente di tecnologia simile. In effetti anche per la tecnologia “solare” esistono diverse versioni, e Citizen ha la migliore…

  4. Ciao Fabio.
    Si tratta sempre di ricezione satellitare ma con dinamiche diverse.
    Il GPS, come dicevo, ha la prerogativa di localizzare la posizione, ma, per contro, necessita di un maggior numero di segnali contemporanei e quindi di condizioni più particolari di ricezione.
    Il Citizen Satellite Wave, invece, ha puntato sulla sicurezza di ricezione, rinunciando alla funzione di localizzazione, considerandola superflua, vista la facilità di impostazione manuale.
    Con il satellitare di Citizen, sarà possibile avere l’orologio perfettamente sincronizzato all’estero, sia nel caso in cui si volesse leggere l’ora locale oppure mantenere il nostro fuso orario.
    Spero di essere stato abbastanza chiaro nell’esposizione.
    Ciao.

  5. mirko017

    Buonasera a tutti,
    devo dire che, a prescindere dai contenuti, questo nuovo Seiko Astron mi sembra esteticamente meglio riuscito rispetto al Citizen Satellite Wave.
    Indubbiamente e’ piu’ tradizionale, o se preferite meno innovativo, ma proprio per questo mi piace di piu’.
    Oltretutto non dovrebbe trattarsi di una serie limitata ed irripetibile, ma di una normale produzione di serie.
    Anche il prezzo e’ circa la meta’ del Citizen.
    Insomma credo che Citizen, se vorra’ acquisire quote di mercato nel campo dei satellitari, dovra’ predisporre dei modelli in grado di competere con questo Seiko Astron.
    Saluti.

  6. Ciao Mirko,
    non vorrei sbagliare ma il prezzo di Astron dovrebbe essere attorno a €. 2.500,00.
    A mio giudizio il primo satellitare del mercato e per di più in serie limitata, non poteva indossare un abito comune.
    Il Citizen Satellite Wave è nato per entrare nella storia.
    Il prezzo, inoltre è stato fortemente condizionato dall’altissima tecnologia dei materiali impiegati.
    Il risultato, del resto, è evidente: conoisco persone disposte ad acquistarlo dagli attuali proprietari a prezzi ben superiori agli €. 3.600,00 del listino.
    E’ già divenuto infatti oggetto cult.
    Astron è invece un prodotto che entra sul mercato 12 mesi dopo la concorrenza e quindi non deve più stupire nè ambire alle teche dei musei: logico quindi che “vesta classico”.
    Sei d’accordo?

  7. Buona sera gex85.
    Relativamemte al Wave, in aggiunta alle precise e dettagliate delucidazioni tecniche, volevo sottolineare a mio parere anche la moderna e straordinaria bellezza estetica di tale orologio, che potremmo tranquillamente definire un gioiello.
    Vi assicuro che vederlo al polso è uno spettacolo….!!!
    Sicuramente tale giudizio può essere assegnato anche ad altri orologi, ma la particolarità del Wave lo rende davvero più unico che raro.

  8. concordo pienamente il commento di Enrico.
    Citizen ha dato vita al Wave per stupire e sicuramente non ha fallito l’intento.
    Se invece parliamo di prezzi, ogni opera d’arte ha un valore superiore ad una normale opera….
    Un saluto a Tutti…

  9. TORRE FABIO

    Ciao a tutti,
    Mi intrufolo nel discorso. Il prezzo dell’astron ho letto che dovrebbe essere 2000-3300 euro, mi sembra di aver visto che i modelli siano 6, di cui il primo a tiratura limitata di 2500 pezzi.
    Esteticamente è carino, almeno a vederlo in foto, ma a parere mio non quanto il satellite wave, dopo averlo visto e toccato devo dire che è incredibile, non parlo per partigianeria….
    Credo che i due brand, abbiano “studiato” due diversi modi di passatemi il termine aggredire il mercato: citizen facendo venire l’acquolina in bocca ma…. il prezzo; seiko dicendo “lo volete? a fine maggio sono disponibili 2500” e a settembre gli altri…. Potrebbe essere uno sprono per citizen, a rendere questa tecnologia a portata dei citizens… cosa ne pensi Mirko?

  10. Ernesto

    Mi intrufolo,confermo i prezzi del seiko e aggiungo che su un sito ho visto il satellite Wave a 2800,00 euro.Nuovo con etichette,io non posso,ma chi può è un ottimo prezzo.Però voglio farci un giro………ciao a tutti

  11. Concordo con te Fabio, il Seiko Astron è più “normale” ma per il mio gusto estetico lo preferisco notevolmente di più rispetto al Satellite Wave…

    Speriamo che questo sproni Citizen a produrre qualcos’altro a prezzi più abbordabili..

  12. Francesco C

    Per chi vuol vedere un bel po’ di foto del Satellite Wave suggerisco un giretto qui:

    http://www.thewatchsite.com/index.php/topic,24569.0.html

  13. Bello il satellite wave per carità … ma quel cinturino in caucciù …. non ci siamo

  14. Francesco C

    Tra l’altro il cinturino in gomma non è regolabile ma va tagliato a misura

  15. Ciao ragazzi,
    hoi avuto occasione di avere il Satellite Wave tra le mani, e vi assicuro che l’impressione è ottima.
    Le fotografie non gli danno la giusta testimonianza.
    Lo stesso bracciale in caucciù è ben lungi dal farlo apparire un “plasticone”.
    Forse sarà stata l’emozione di avere tra le dita un mito, ma la mia impressione è stata altamente positiva.
    Ciaoooooo.

  16. TORRE FABIO

    Si, è esattamente la sensazione che ho provato io. nel contesto dell’orologio poi secondo me non ci poteva stare che un cinturino di quel tipo…. ma anche quello è diverso,non me ne intendo ma non è un cinturino di “gomma” o caucciù o quello che è, normale…. l’unico problema per me è che non me lo posso permettere, (l’orologio) Acc….

  17. mirko017

    Ciao Enrico,
    posso essere d’accordo sul fatto che il Satellite Wave sia nato per entrare nella storia e che quindi doveva avere un abito in qualche modo piu’ appariscente.
    Cio’ non toglie comunque che per il mio gusto personale risulti un po’ eccessivo.
    E non e’ solo una questione di prezzo. Se anche costasse come un normale radiocontrollato non cambierebbe la mia impressione dal punto di vista estetico.
    Per quanto riguarda i materiali poi anche il Seiko Astron non e’ messo male: cassa e bracciale in titanio e ghiera di ceramica (c’e’ anche una versione in acciaio con cinturino in silicone, ma e’ quella che mi piace meno), oltre naturalmente al vetro zaffiro.
    Certo, anche il prezzo del Seiko non e’ trascurabile (a proposito, non ho capito bene se i prezzi indicati si riferiscono solo alla versione in edizione limitata di 2500 pezzi), ma e’ comunque inferiore a quello del Satellite Wave, e in ogni caso il fatto che esista una “serie” di modelli a tiratura non limitata (tranne che per il modello di punta) offre maggiori possibilita’ di diffusione rispetto ai soli 990 pezzi del Satellite Wave in gran parte riservati a VIP e altri personaggi.
    Insomma, non vorrei che Citizen, dopo aver “stupito tutti con effetti speciali” lo scorso anno, avesse scelto di lasciare ad altri l’iniziativa nel campo dei satellitari.
    A mio avviso sarebbe un peccato.
    Saluti.

  18. Diego 72

    Ciao a tutti!
    Entrando a gamba tesa sulla discussione mi alineo al commento di Mirko017, sembrerebbe che CITIZEN dopo aver stupito il mondo (dell’orologeria) con un modello coraggioso, dal design forte, destinato anche chissá a musei tipo M.O.M.A. di NY, si sia ritratta aspettando tempi migliori per riproporre tale tecnologia non solo per intenditori e “malati” (passatemi questo termine nel quale mi identifico anche io) ma anche per fare un discorso di massa economicamente piú conveniente e che si identifica nel brand e nella storia di CITIZEN.
    Dall’altra parte peró c’é la “discesa in campo” (concetto espresso in pessimo politichese) dell’altro colosso jappo che, almeno inizialmente, punta molto su questa tecnologia e propone piú modelli, anche maggiormente uniformati al gusto comune, con linee pulite che tradiscono il cuore techno.
    Tutto questo porterá ad uno scontro tra titani con conseguente commercializzazione di piú modelli e prezzi al ribasso?
    (Musichetta di fondo “suspance”)
    Come reagirá CITIZEN?

  19. alocin

    oggi dopo aver acquistato 4 citizen in meno di un mese ho potuto ammirare la bellezza del satellite wawe presente nella collezione citizen del gioiellere.credetemi ti lascia senza parole nn sai dove guardare.secondo me sarà il futuro.

  20. Buongiorno a tutti.
    In effetti Citizen, a mio parere, si tufferà sulla nuova tecnologia.
    Lo stesso Dr. Dante Grossi, pur senza sbilanciarsi, ha ipotizzato un futuro in cui la tecnologia satellitare dovrebbe essere il top di gamma di un’ampia collezione comprendente anche radio-controllati e Eco-Drive, in una rosa di modelli nei quali le scelte tecniche si abbineranno a piacimento.
    La differenza (per usare un termine caro a Citizen) come al solito, la farà la qualità.
    Molte marche in passato si sono gettate a capo fitto sullo studio dell’energia pulita applicata all’Orologeria, ma abbiamo visto come è finita!
    Sono convinto che la Storia si ripeterà con il satellitare.
    Sarà il mercato a scegliere il prodotto vincente e questo ne diverrà lo standard.
    In questa gara, e qui parlo da tecnico, Citizen è al momento assolutamente privilegiato dall’avanzamento dei suoi studi.
    Salutissimi.

  21. La discussione del mio breve articolo si sta sviluppando meglio di quanto sperassi,toccando tutti i punti di mio interesse.
    Grazie a tutti!!

  22. Scusate, ma sembra che il Seiko (sulla carta) sia migliore del Citizen (e lo dico da appassionato di Citizen) poichè aggiorna anche l’eventuale fuso orario con data etc, mentre sul citizen vano regolate a mano.

    the Astron uses the information of 4 satellites to determine location thus automatically setting your time and date, anywhere on earth. The Citizen is not capable of doing this and the timezone must be set manually.

  23. mirko017

    Ciao David,
    si, sulla carta sembra essere cosi’.
    Resta da vedere nell’uso pratico come andranno veramente le cose, ossia quante volte il Seiko riuscira’ a ricevere il segnale contemporaneamente da almeno 4 satelliti e quanta energia consumera’ per farlo.
    Saluti.

  24. TORRE FABIO

    Ciao David,

    A settembre dovrebbe essere commercilizzato in ed. limitata 2500 pezzi il seiko gps in titanio a 262000 yen, e dopo gli esemplari in acciaio, e con cinturino in gomma ad un prezzo che varia da 152000- 199000 yen, ma sarei molto cauto nel dire che sia superiore al satellitare citizen, sono d’accordo con Mirko: vedremo come ruscirà a prendere il segnale dai satelliti, non sono così sicuro, di tutta questa bella propaganda. tuttavia dovrebbe essere un bel prodotto. Mi permetto di dire una cosa circa, la ricezione del radiocontrollato, che peraltro è sempre ribadita da chi ne sa più di me: Avete fatto prendere luce all’orologio? QUESTA è una condizione imprescindibile, anche a me è accaduto questo problema, risolto esponedolo alla luce, e non credo sia un problema di abitazione al primo piano.

  25. Mirko quello del consumo (mancando dati ufficiali) è anche il mio dubbio per questo ho scritto “sulla carta”.
    Considerando che la commercializzazione di massa sembra ancora distante confido che la citizen ed i suoi validi ingegnieri escogitino soluzioni in grado di regalare a noi affezionati utenti finali un orologio che non ce ne faccia rimpiangere nessun altro (posseggo orologi di rango fra cui un fantastico panerai, ma il mio pilot è quello che sempre porto al polso
    Fabi grazie del suggerimento, si mi ero già sincerato che la carica osse al massimo, oggi sono salito sul tetto condominiale del mio palazzo e si è sincronizzato, stessa cosa dal tetto dell’ufficio, quindi tendo ad escludere inquinamento elettromagnetico e confido il wave receiver sia in grado di wvitarmi scalate mattutine.
    PS
    Il Seiko è bello, ma paziento per il Citizen

  26. Stefano G.

    Non capisco dove sia la rivoluzione tecnologica sul Citizen Satellite.
    Volete un orologio che si rimette ricevendo il segnale dai satelliti bene la Casio già nel 2000 ha prodotto il Pro Trek Prt 2GP versione successiva al Casio Prt 1GP.
    Arriva ad aggangiarsi fino a 12 satelliti in parallelo (ne bastano però solo 3 per la posizione e la correzione dell’ora) per darvi la posizione GPS possibilità di memorizzare centinaia di coordinate darvi la distanza tra 2 posizione direzionalità e cartina per la visualizzazione dei punti di partenza e di arrivo ecc.
    Fornisce anche dati sull’altitudine con una durata in ricezione continua di 1 ora e possibilità di scaricare i dati sul PC il tutto ad un prezzo di Lire 1.250.000

    http://arretrati.orologi.it/articoli/148/casio.htm

    Possiede un design ancora oggi assolutamente avveniristico ed è uno dei miei preferiti da portare al polso.
    Poi vi è la linea degli orologi Garmin tra i migliori GPS da polso con ottime ricezioni anche tra i palazzi difficilmente perde il segnale al costo di qualche centinaia di euro.
    Ho visto il Citizen Satellite in vetrina ho controllato il suo orario con il mio Citizen Pilot radiocontrollato con l’ultima ricezione andata a buon fine bene aveva uno scarto di più di 30 secondi questo significa che non aveva mai ricevuto il segnale dal satellite.
    Quindie se non lo si posiziona in spazi aperti non riesce ad aggangiare neanche un satellite utile alla correzione.
    Se quindi ha bisogno di spazi aperti tanto vale farlo aggangiare a 3 satelliti facendolo divenire quindi un vero GPS per fornire anche le coordinate.
    Credo che la Citizen non si sia inventata niente di nuovo ad un prezzo per me assurdo visto che la stessa tecnologia è adottata da altre marche di orologeria a prezzi di gran lunga più contenuti.
    La vera rivoluzione Citizen per me rimane l’Eco Drive uno dei pochi orologi veramente a carica luce infinita.

  27. Michele

    Scusate, ma il Keymaze 700 di Decathlon, un gps da polso, costa 140 euro e ha l’ora satellitare precisa (oltre al cardiofrequenzimetro e tutte le componenti di un satellitare per uso sportivo)…. comprato nel 2008.

  28. TORRE FABIO

    Buongiorno a tutti,
    @Michele. esistono a nche i Casio, Junghans e forse qualche altra marca…. se sei soddisfatto dell’orologio che citi benissimo… Citizen è altra cosa.
    saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *