Primo Citizen al polso, il BN0100-51E!

Salve a tutti, sono un nuovo membro del sito, ho acquistato una settimana fa il mio primo Citizen, si tratta del BN0100-51e, un bellissimo Divers in versione braccialata dall’estetica molto lineare a classica, oltre che sportiva, cosa che ha attirato subito il mio occhio.

2

 

L’orologio mi è stato consegnato nella classica confezione a bombola gialla, tipica dei Promaster di Citizen.

3

Devo dire che la cassa mi sembra molto solida e ben rifinita, impressionante anche il quadrante interno, anche osservato con lente d’ingrandimento non ha nessuna sbavatura, davvero roba rara in un orologio sulla fascia dei 200€.
Molto belli, seppur semplici, gli indicatori lineari messi al posto dei numeri principali, ottima anche la corretta differenza di lunghezza tra la lancetta delle ore e quella dei minuti, quest’ultima più lunga e anche di colore diverso, ovvero rosso, cosa che mi aggrada molto. In sintesi, il quadrante risulta molto chiaro e pulito.
Altra cosa che mi ha positivamente colpito è la visibilità delle lancette al buio, penso che non potrei pretendere di meglio, detto questo devo ancora testare la visibilità su lungo termine, ma da quanto ho capito i Citizen hanno un lume che dura qualche ora senza nessun problema.
La ghiera molto robusta è ben salda e girandola in senso antiorario fa scatti decisi, una volta in posizione sta ben ferma e non ha gioco, a mio parere, ulteriore dimostrazione della qualità di questo Citizen.

4

La corona a vite non avevo mai avuto modo di provarla, non essendo un esperto di orologi, all’inizio ci ho messo un minutino a capire come funzionasse, una volta svitata però ci ho messo un attimo a intuirne il funzionamento.
Molto bello il bracciale, a maglie piene, ben rifinito e interamente satinato, cosa che mi gusta molto, anche perché, oltre al gradevole effetto estetico, ha il vantaggio di graffiarsi meno facilmente col passare del tempo.
Ottima la cassa del bracciale, con doppia chiusura di sicurezza ed estendibile in due secondi, cosa che risulta comodissima quando si vuole avere un bracciale leggermente più largo, ad esempio in estate, o quando bisogna indossare l’orologio sopra la muta.

Che dire, sono molto soddisfatto dell’acquisto, l’orologio mi è sembrato anche molto preciso, dopo una settimana è ancora perfettamente in linea con l’orario del computer, preciso al secondo, oltretutto mi ha attirato molto anche il movimento Ecodrive, il quale permette alla batteria interna di ricaricarsi grazie alle fonti luminose.

Detto questo avevo un paio di domande per gli esperti, è stata una tragedia per farsi regolare il bracciale, la commessa dell’oreficeria dove l’ho acquistato aveva fatto un disastro, rigandomi il lato di due maglie, ovviamente ho subito chiesto la sostituzione dell’intero orologio, visto che non l’avevo ancora indossato, fortunatamente ne avevano un altro nuovo di pacca in negozio e me lo hanno subito cambiato, il secondo però l’ho portato in un’altra oreficeria, questa volta il lavoro è stato fatto alla perfezione senza rigare nulla (anche se il tipo si è dimenticato a ridarmi i due microcilindri che servono per bloccare i perni in sede, non appena avrò modo, ci ritorno e glieli chiedo, se non li ha se la sbriga lui, li manda a ritirare).
Dunque, visto che non mi fido mai di nessuno, quasi sempre becchi individui che ti fanno danni all’orologio, preferisco, da oggi in poi, far da me.
Quali attrezzi mi consigliate per regolare i bracciali? Ho visto che c’è un attrezzo molto comodo, la spernatrice, che serve appunto a far fuoriuscire i perni dalla sede, per reinserirli però suppongo sia meglio usare altro.
Altra domandina, per togliere i perni basta spingerli verso la direzione indicata dalla freccia, facendo attenzione a non perdere i piccolissimi cilindri che lo bloccano in sede.
Per rimetterli invece in che verso li devo spingere, sempre nella direzione che indica la freccia o dalla parte opposta? A rigor di logica suppongo dalla parte opposta perché altrimenti il perno incontrerebbe subito il piccolo cilindro che lo deve bloccare in sede, sarebbe di conseguenza più faticoso spingerlo completamente dentro la maglia… attendo aiuto da voi esperti ringraziandovi anticipatamente.


37 Commenti

  1. mirko017

    Ciao Kior,
    benvenuto in Citizenmania e complimenti per il tuo nuovo orologio.
    Un paio di precisazioni.
    La confezione a forma di bombola viene fornita non con tutti i modelli della serie Promaster, ma solo con i modelli Diver, tra i quali rientra il tuo.
    I cilindretti (o boccole che dir si voglia) che tengono fermi i perni del bracciale per quanto ne so sono presenti solo nei bracciali in titanio. Poiché il tuo e’ in acciaio non dovrebbe avere tali boccole, quindi non credo che il negoziante si sia dimenticato di darteli: semplicemente non dovrebbero proprio esserci.
    Detto questo, per togliere i perni va bene la spernatrice (e’ fatta proprio per tale scopo) ed e’ giusto toglierli spingendoli nella direzione della freccia.
    Per rimetterli devi agire in senso opposto (come hai giustamente intuito), quindi devi reinserirli da dove sono usciti, e per spingerli fino in fondo e’ sufficiente un martello.
    Naturalmente non devi battere con forza esagerata: solo quel tanto che basta.
    Saluti.

  2. Francesco C

    Benvenuto Kior e complimenti per l’acquisto!

    Personalmente uso la spernatrice anche per re-inserire i pernetti, i martelli si sa sempre da dove partono ma non sempre dove atterrano … inoltre con il martello il perno al massimo va a filo della maglia, mentre di solito è un poco rientrato da entrambi i lati e con la spernatrice il centraggio risulta più preciso e meno violento.

  3. Ciao a tutti e grazie per il benvenuto.
    Mirko017 ti assicuro che i cilindretti ci stanno anche nel mio bracciale, ci ho fatto caso la prima volta che ha tentato di regolarmelo la commessa dell’oreficeria in cui l’ho acquistato, dalle maglie infatti, oltre ai perni, sono usciti fuori quei piccolissimi cilindretti. Spulciando un po’ in rete ho capito che questi bracciali vengono definiti “pin and collars”. Di conseguenza, a breve ritornerò dal tipo che mi ha regolato il bracciale chiedendo che mi vengano restituiti.

    Ecco un link che mostra com’è il mio bracciale, come puoi vedere si intravvede anche fuoriuscire un pezzettino del cilindretto che blocca il perno in sede.

    Detto questo, per quello mi è venuto il dubbio verso quale senso inserire il perno… Se lo metto nel verso della freccia, il perno incontrerebbe subito il piccolo cilindro che lo deve bloccare in sede, sarebbe di conseguenza più faticoso spingerlo completamente dentro la maglia… vero pure che se lo inserisco nella direzione opposta, il perno andrebbe a spingere il cilindretto verso il bordo della maglia che si deve bloccare, creando magari qualche attrito quando quest’ultima ruoterà intorno al perno stesso. Son sicuro che voi sapete togliermi questo dubbio.

    Per quanto riguarda il martello, ho paura ad usarlo per rimettere i perni in quanto, se per sbaglio arriva a toccare il bordo della maglia, la rigo, vero pure che ho visto che ci sono dei martelli con il lato gommato… cmq felice di capire “Thanks Francesco” che la spernatrice può essere usata anche per reinserirli.

    Spernatrice avete un modello in particolare da consigliarmi o va bene anche quelle da 5-6 euro che si trovano su ebay?

    Grazie ancora e scusate per le domande un po’ ridicole ma non sono un esperto, eh eh.

  4. mirko017

    Ciao Kior,
    se mi dici che nel tuo bracciale, anche se in acciaio, ci sono le boccole di fissaggio, ti credo sulla parola.
    Si tratta comunque del primo caso di cui ho notizia di bracciale in acciaio con le boccole. Fino ad ora le avevo trovate solo nei bracciali in titanio.
    Saluti.

    P.S. nel tuo messaggio precedente non si vede il link a cui facevi riferimento…

  5. Da quanto ho potuto vedere sulla rete, ci sono anche alcuni bracciali in acciaio della seiko che hanno le boccole di fissaggio.
    Uhm, penso di aver sbagliato ad inserire il link nel post precedente, eccolo:

    http://i475.photobucket.com/albums/rr119/SodiacPics/Citizen%20Titanium%20Eco-Drive/bracelet-pin-and-collar-system.jpg

  6. mirko017

    Si, adesso il link si vede. In effetti si riferisce ad un bracciale in titanio.

  7. Ciao Kior e benvenuto anche da parte mia! Ottimo acquisto, davvero niente male come inizio. E’ un modello che non ho ma credo che prima o poi lo prenderò perchè troppo spesso mi ci cade l’occhio…! 😉

    Per quanto riguarda la discussione dei bracciali e degli utensili, personalmente sono attrezzato così: ho una spernatrice da pochi euro che non uso già più, dal momento che dopo solo il primo utilizzo mi sono reso conto che è un pò… come dire… MORBIDA! In plastica con il perno poco stabile e che si piega o storge facilmente. Non che non si possa usare, con un pò di accortezza, e come giustamente fa notare Francesco C con la spernatrice sei più tranquillo di non martellare l’orologio, ma io preferisco usare un martellino adatto, insieme ad un mandrino leva perni di questo tipo:

    http://www.swissforniture.it/it/spernatrici-per-bracciali/89-mandrini-leva-perni-msa-10508.html

    poggiando l’orologio su uno zoccolo in plastica, una base che puoi facilmente trovare sullo stesso sito, che essendo in plastica non graffierà mai il prezioso orologio.
    Appoggio la punta del mandrino precisamente sul perno e con un colpetto deciso lo faccio scivolare nel verso della freccia quel tanto che basta a sbloccarlo e a poterlo afferrare con delle pinze adatte ed estrarlo del tutto. Per reinserirlo (confermo nel verso opposto alla freccia) uso lo stesso martello di prima per far entrare il perno fino QUASI ad allinearsi col bracciale, poi concludo di nuovo col mandrino per portarlo più giù della linea della maglia, come appunto dice Francesco C. Quest’ultima operazione con il mandrino può risultare un pochino più difficile per paura che lo stesso scapoli dal perno scivolando sulla maglia, ma provando ho visto che con un minimo di accortezza si fa bene senza mai sbagliare.

    In definitiva, io mi trovo meglio così, ma è questione di manualità: la spernatrice è stata concepita proprio per questo compito, come dice il nostro altro senatore mirko017, ma personalmente se la vuoi acquistare ti consiglio di prenderne una bella robusta, magari tutta in metallo e con un perno bello rigido, spendendo chiaramente di più.

    Spero di esserti stato utile!
    Saluti

  8. Ciao lamapss, grazie mille per i consigli. Ora decido cosa comprare.
    Per quanto riguarda il martelletto, suppongo che quanto devi reinserire il perno, lo usi dalla parte gommata in modo da evitare di far graffi o ammaccature, correggimi se sbaglio… ho notato che ci sono questi piccoli martelli con una parte metallica, e l’altra gommata, immagino gomma molto rigida.

    Per quanto riguarda il reinserimento dei perni farò come da voi consigliatomi, lo inserirò nel verso opposto a quello della freccia. In caso se il perno andrà a spingere la piccola boccola di fissaggio contro il bordo della maglia che si sta bloccando, darò un piccolo colpetto dall’altro lato in modo da allontanare la boccola cilindrica, in modo da evitare attriti durante la rotazione delle maglie stesse. Non so se mi son spiegato bene, ma vedendo anche il link che ho postato nel precedente commento, capirai subito che tipo di bracciale ho io.

    Ecco un altro link in cui si vede un bracciale di un seiko che ha lo stesso tipo di fissaggio dei perni del mio, si nota benissimo la posizione del piccolo cilindretto che blocca in sede il perno stesso

    http://justasmallblog.wordpress.com/2012/07/19/how-to-resize-a-seiko-collar-and-pin-watch-band/

    Spero di essermi spiegato bene, grazie ancora a tutti voi!

  9. Non preoccuparti troppo per la boccola, il foro è più stretto nella parte superiore della maglia quindi anche una volta allineati i fori la boccola non scorrerà fra le 2 maglie 😉

    Per il martelletto ne trovi di tutti i tipi; più che gomma direi “plastica rigida”, ma personalmente ne uso uno completamente in metallo, piccolino e leggero, in effetti non serve PRENDERE A MARTELLATE i perni, bastano piccoli colpetti che permettono un controllo completo e senza molti rischi di graffiare e tanto meno ammaccare le maglie. Provare per credere! E poi la plastica con quei pernetti piccoli come aghi si rovinerebbe subito ed il martello dopo poco sarebbe rischiosamente irregolare e quindi poco preciso.

    Credimi comprendo la maniacalità per il tuo primo gioiello, ci sono passato anche io! Poi con un pò di esperienza, per quanto mi riguarda, è rimasta la cura maniacale e l’attenzione totale verso i miei segnatempo ma con molta più tranquillità. Se ci si prepara bene e non si fanno le cose di fretta (la fretta è il nemico numero uno per queste cose) ti accorgerai che è tutto molto semplice e naturale, i bracciali si smagliano con serenità.

    Un altro consiglio che voglio darti è di curare il piano di lavoro. Credimi è molto importante. Personalmente a casa mi sono organizzato così: ho un pannello di compensato che si era leggermente “imbarcato” e l’ho usato per farci il mio piano di lavoro per quando faccio qualche operazione sugli orologi! Ci ho fissato della gomma sotto in modo che quando lo appoggio rimane ben saldo sul tavolo e non scivola nè si muove minimamente, al centro ho messo un foglio di cartoncino bianco liscio, che permette di lavorare, senza rischio di graffi, in contrasto con l’orologio in modo tale che se anche dovesse cadermi una boccola minuscola la ritrovo al volo! La leggera imbarcatura del pannello permette ai componenti piccoli di non disperdersi: non dico che rotolano al centro del pannello perchè la curva non è così accentuata, ma perlomeno non rotolano via verso i bordi dello stesso! In questo modo ho trovato enorme tranquillità e sicurezza quando faccio qualche operazione 😉

  10. Eh eh, si poi io sono uno maniacale di mio, tutta la mia roba è trattata benissimo.
    Cmq penso proprio che prenderò uno di quei kit basilari su ebay, son cinesate ma per regolare giusto qualche volta i bracciali credo vadano benissimo, hanno la spernatrice, il martelletto, se non erro 3 mandrini con la punta di diametri differenti, una pinza e una basetta di plastica in cui poter inserire il bracciale per togliere o inserire i perni tramite il martelletto.

    Si mi preparerò un piano di appoggio comodo, ho un tappetino del mouse abbastanza grande che userò per poggiarci l’orologio, ha il retro semispugnoso quindi evita qualsiasi tipo di graffio accidentale.

    Nota curiosa, come ho scritto nell’articolo, mi son dovuto far cambiare l’orologio appena preso perché la commessa aveva graffiato due maglie, fortunatamente ne avevano un’altro identico in negozio, tra l’altro ancora nel cassetto con la pellicola trasparente su parte della cassetta del bracciale (quindi mai provato). Il primo che avevo tra le mani aveva il bracciale più lungo di 3 maglie… la cosa non è negativa, anzi, qua ho dovuto togliere 3 maglie per farmi stare comodo l’orologio (addirittura mi sa che è meglio che ne tolga un’altra e quindi fan 4), in quello di prima ne sarebbero avanzate 7 (4+3). E’ curioso solo il fatto che i due orologi, pur essendo identici, avevano un diverso numero di maglie sul bracciale. 🙂

  11. Francesco C

    Io ho una spernatrice di metallo ed una di plastica, entrambe comperate su Ebay per pochi soldi. Quella di metallo è certamente più precisa ma è di metallo ed il metallo può rigare … quindi alla fine preferisco usare quella di plastica con calma e cautela ma senza rischi. Comunque secondo la mia esperienza non c’è alcun bisogno di usare martelli, se si impara a maneggiare bene la spernatrice basta quella.

  12. Benvenuto a Kior e complimenti per la bellissima recensione.
    Mi permetto di precisare che in caso di numero dispari di maglie residue, il numero maggiore va mantenuto dalla parte del “6”.
    A presto e salutoni.

  13. Innanzitutto volevo ancora una volta ringraziare tutti voi per i consigli e per il benvenuto.

    Francesco C: Si anche io preferisco andare con la spernatrice in plastica, al massimo cmq pensavo che potrei anche prendere un foglio di carta molto sottile e metterlo su quella in metallo, in questo modo evito di far qualsiasi graffio.

    Enrico: Si hai fatto bene a precisare, difatti se hai notato nella foto in cui l’orologio è posto di lato, il numero maggiore di maglie è posto proprio sul 6, 5 maglie sul 6 e 4 sul 12. Devo dire che però non so, in effetti la clip (intendo solo quella che si solleva per sbloccare la cassetta) per aprire il bracciale si trova esattamente al centro del polso, però la cassetta, che tra l’altro su questo bracciale è di generose dimensioni, mi sembra leggermente sbilanciata verso il 12, detto questo però al polso lo trovo comodo. Non appena prendo la spernatrice faccio la prova a togliere un’altra maglia (dalla parte del 6 così diventano pari sui due lati), perché mi sa che ora è un pochetto troppo largo, ci entra dentro l’intero dito abbondantemente.

    Ho appena mandato una mail a Citizen, perché non ho ben capito se il datario è perpetuo o a fine mese devo regolare di nuovo il giorno.

  14. mirko017

    Ciao Enrico,
    scusami, ma a me sembra che sia il contrario, ossia che il numero maggiore debba essere dalla parte del 12.
    Ti dico questo perche’ sto osservando l’orologio che ho al polso oggi (si tratta di un AT8060-50E, che possiamo considerare come un “cugino” inglese dei nostri H800 Leonardo).
    Ebbene, ho tolto l’orologio dal polso ed ho contato tutte le maglie del bracciale, comprese anche quelle fisse a cui si attacca la chiusura deployante: in tutto ne ho 7 che partono da ore 12 e solo 5 che partono da ore 6.
    Con questa distribuzione, quando l’orologio e’ allacciato al polso, la cassa (sopra il polso) e la chiusura (sotto al polso) si vengono a trovare centrate sulla stessa ipotetica linea verticale, ed e’ esattamente cosi’ che mi piace che sia.
    Se invece la distribuzione delle maglie fosse come dici tu, la chiusura si verrebbe a trovare spostata verso la parte esterna del braccio.
    Probabilmente e’ solo questione di gusti, ma tutti i miei bracciali sono regolati cosi’.
    Saluti.

  15. Francesco C

    Ero rimasto leggermente perplesso davanti al post di Enrico qui sopra ma avevo pensato di non dire nulla. Ora però che Mirko ha rotto il ghiaccio devo dire che sono d’accordo con lui e che anch’io faccio così. Lascio sempre meno maglie dal lato del 6 anche per evitare che l’orologio se ne vada troppo in là, io infatti tengo i bracciali piuttosto laschi altrimenti mi danno fastidio.

  16. mirko017

    @Kior
    Se non sbaglio il tuo orologio dovrebbe montare il calibro E160 o qualcosa di simile tipo E168 (puoi verificare sul fondello della cassa se compare questo codice).
    Leggendo le istruzioni di tale calibro non mi pare si parli di calendario perpetuo, pertanto credo che dovrai regolare a mano la data alla fine dei mesi che hanno meno di 31 giorni.
    Saluti.

  17. Anche io da parte mia devo dire che il mio orologiaio di fiducia dove ho preso tutti i miei Citizen, mi ha sempre insegnato che vanno più maglie dalla parte delle ore 12, esattamente al contrario (se vogliamo) dei cinturini dove appunto la fascia alle ore 12, con la fibbia, è la più corta. E devo dire che adotto questa soluzione perchè mi ci trovo benissimo. La chiusura deployante comporta uno sbilanciamento che si controbilancia appunto con più maglie dalla parte delle ore 12.

    Kior, per quanto riguarda il tuo movimento confermo quello che ha scritto mirko017: è un Eco-Drive semplice e non dispone del calendario perpetuo, che viene implementato sempre su orologi con almeno qualche complicazione, non ho mai visto un solo-tempo con il calendario perpetuo (rimanendo sempre in tema Citizen ovviamente). Quindi dovrai aggiornare la data 4 volte l’anno, niente di grave tutto sommato 😉 anche perchè ci vogliono circa 4 secondi!

  18. Confermo che il mio calibro è un E168, comunque era una semplice curiosità, non è un problema regolare poche volte l’anno la data, in pochi secondi si fa il tutto.

    Ho appena mandato una mail ad un venditore di ebay che vende quelle spernatrici a pochi euro per sapere di che diametro è la punta che essa monta, non vorrei ritrovarmi con un attrezzo che poi non vada bene. 🙂

  19. Francesco C

    Di solito le spernatrici sono dotate di perni di vario diametro, tre se non mi ricordo male, che sono ovviamente intercambiabili.

  20. … fai bene a controllare, sei molto meticoloso! 😉
    Comunque ti accorgerai che grosso modo la maggior parte dei perni sono di dimensioni standard e probabilmente non cambierai mai il perno alla tua spernatrice.
    Saluti!

  21. Francesco C

    lamapss ha ragione, io infatti il perno non l’ho mai cambiato, magari gli altri sono uguali e servono come ricambi …

    io non sono mica tanto meticoloso e non ho voglia di verificarlo, pero’ se qualcuno di voi ci guarda fa’ un buon servizio a tutti, puo’ ben darsi che i pernetti siano sempre dello stesso diametro oppure magari vanno da 0.3 a 0.6 mm ed il punzone da 0.3 va ovviamente bene per tutti

  22. mirko017

    Personalmente non uso una spernatrice, ma un attrezzo della Horotec che e’ composto da una piccola base di appoggio in legno, uno zoccolo in plastica sul quale va inserito il bracciale, ed un punzone di metallo dotato di punte intercambiabili di varie misure.
    Quella che uso abitualmente ha un diametro di 0,8 mm (verificato adesso col calibro…!).
    Naturalmente andrebbe bene anche una di misura inferiore, ma non scenderei sotto 0,6 mm.
    Saluti.

  23. Attendo risposta dal negoziante così vado sul sicuro.
    Più in la mi sa che prenderò anche un bracciale gommato, magari quello originale, così quando mi va lo cambio. 😀

    Detto questo io per la pulizia dell’orologio, compreso il vetro, uso un normale panno in microfibra inumidito solamente con l’acqua del rubinetto, suppongo vada benissimo.. voi usate qualcosa di più specifico?

  24. Caro mirko017 ma tu sei un professionista…! 😀 Se ho capito bene, usi un attrezzo simile a quello usato dal mio orologiaio di fiducia.

    Kior condivido la scelta di avere anche il cinturino in gomma, a me personalmente piace cambiare ogni tanto e far riaffiorare quella sensazione di “novità” che scaturisce con un orologio dall’aspetto inedito. Infatti mi piace provare anche altre combinazioni, con altri tipi di cinturini o bracciali.
    Per la pulizia dipende anche quale tipo di pulizia intendi… per tenerlo pulito quotidianamente va bene come hai scritto tu, per una pulizia sporadica ma più approfondita ci si può impegnare di più… 😉
    Ah, visto che pensi di prendere il cinturino, ti consiglio di prenderti un buon leva-anse. Io uso un beringer acquistato sul sito che ti ho già segnalato, in acciaio. E’ vero che si può spendere meno dal momento che non siamo professionisti, ma personalmente per le mie passione non mi piace affidarmi al risparmio ma uso quello che più mi soddisfa, e un leva anse in acciaio anzichè in ottone non si piega e non riga (nei limiti del ragionevole, è chiaro che dipende tutto dalla nostra manualità). Io mi sono preso anche un monocolo, per scrupolo. Non è fondamentale, ma a volte può essere utile e facilitare un lavoro, inoltre mi piace osservare “da vicino” i dettagli dei quadranti dei miei segnatempo 🙂

  25. mirko017

    Ciao lamapss,
    ti ringrazio ma…. no, ma quale professionista…!
    L’attrezzo di cui parlo e’ molto piu’ semplice di quanto si possa pensare. In fondo si tratta sostanzialmente solo di una base di appoggio e di un punzone da usare a mano battendoci sopra con un martello.
    Precisamente si tratta dell’attrezzo che si puo’ vedere in alto a destra in questa foto:
    http://www.citizenmania.it/?attachment_id=8957
    Forse tu invece pensavi che usassi quello che si vede a sinistra.
    Saluti.

  26. Professionista era per dire che sei esperto 😉
    Comunque si, avevo capito proprio quello sulla sinistra, allora in questo caso lavori come lavoro io! Io ho solo lo zoccolo e mi appoggio sul mio pannello di compensato, ed ho un mandrino un pò più piccolo rispetto al tuo punzone, ma le dimensioni della punta credo siano le stesse, così come il procedimento…
    Personalmente lo preferisco alla spernatrice

  27. Ciao Mirko,
    riguardo al numero delle maglie del bracciale nel caso fossero dispari, questa volta devo contraddirti.
    La regola generale adottata proprio da tutti in Orologeria è quella che prevede il numero di maglie minori dalla parte del “12”.
    Puoi verificare questa condizione su tutti gli orologi nuovi che portino per combinazione un numero di maglie dispari, o ancora meglio sui cinturini in pelle, il cui spezzone più corto, quello con la fibbia, è posto al “12”.
    Sono d’accordo con te, invece sulla priorità da dare al gusto di ognuno di noi.
    Ma la regola generale (a parte casi di bracciali particolari) è quella che ti ho detto.
    Un salutone e a presto.

  28. Aggiungo che la regola è così fatta proprio perchè eventuali aggiustamenti per accorciare vengano fatti sulla parte più lunga in modo da tendere a pareggiare.
    Ciaooooo.

  29. mirko017

    Ciao Enrico,
    prendo atto della regola generale. Ho l’impressione pero’ che questa sia la tipica situazione in cui ci si intenderebbe prima e meglio parlandone di persona anziché tramite internet.
    Cerchero’ quindi di aiutarmi con delle immagini.
    Intanto c’e’ da fare una prima distinzione tra l’orologio nuovo e ancora integro e lo stesso orologio dopo che e’ stato regolato il bracciale. Diciamo che la situazione originale e’ poco significativa, perché almeno nel 90% dei casi il bracciale deve essere regolato.
    Prendiamo dunque in esame l’orologio dopo la regolazione del bracciale.
    Anche qui possiamo dstinguere tra quando il bracciale e’ aperto e quando e’ chiuso.
    Prendendo come esempio il recente Navihawk JY8034-58E, possiamo esaminare la prima immagine con il bracciale aperto:
    http://www.citizenmania.it/?attachment_id=8962
    Ho messo i numeri accanto alle maglie per facilitarne il conteggio. Come si puo’ notare sono 7 dal lato delle ore 12 e solamente 5 dal lato delle ore 6.
    Guardiamo adesso lo stesso orologio con il bracciale chiuso:
    http://www.citizenmania.it/?attachment_id=8963
    Le maglie sono ovviamente sempre le stesse, ma il meccanismo di chiusura praticamente si sovrappone alle maglie 6 e 7 poste dal lato delle ore 12. Il risultato e’ che con il bracciale chiuso restano “libere” 5 maglie su entrambi i lati e quindi la chiusura risulta centrata rispetto alla cassa.
    Applicando invece la regola generale sopra descritta, con il bracciale allacciato la chiusura si verrebbe a trovare in una posizione “decentrata”, ossia piu’ vicina alle ore 12 e piu’ lontana dalle ore 6, ossia una posizione che personalmente non gradisco.
    Come ho detto all’inizio, se questa e’ la regola generale ne prendo atto, ma allora vuol dire che anche in questa occasione io mi trovo al di fuori delle regole e tutto sommato la cosa non mi sorprende.
    Saluti.

  30. mirko017

    Ciao Enrico,
    ho provato a rispondere con precedente messaggio, ma vedo che e’ ancora in “attesa di moderazione”, probabilmente perché conteneva due link contemporaneamente.
    Allora provo a riscriverlo dividendolo in due parti.

    Parte 1.
    prendo atto della regola generale. Ho l’impressione pero’ che questa sia la tipica situazione in cui ci si intenderebbe prima e meglio parlandone di persona anziché tramite internet.
    Cerchero’ quindi di aiutarmi con delle immagini.
    Intanto c’e’ da fare una prima distinzione tra l’orologio nuovo e ancora integro e lo stesso orologio dopo che e’ stato regolato il bracciale. Diciamo che la situazione originale e’ poco significativa, perché almeno nel 90% dei casi il bracciale deve essere regolato.
    Prendiamo dunque in esame l’orologio dopo la regolazione del bracciale.
    Anche qui possiamo dstinguere tra quando il bracciale e’ aperto e quando e’ chiuso.
    Prendendo come esempio il recente Navihawk JY8034-58E, possiamo esaminare la prima immagine con il bracciale aperto:
    http://www.citizenmania.it/?attachment_id=8962
    Ho messo i numeri accanto alle maglie per facilitarne il conteggio. Come si puo’ notare sono 7 dal lato delle ore 12 e solamente 5 dal lato delle ore 6. … segue …

  31. mirko017

    Parte 2.
    Guardiamo adesso lo stesso orologio con il bracciale chiuso:
    http://www.citizenmania.it/?attachment_id=8963
    Le maglie sono ovviamente sempre le stesse, ma il meccanismo di chiusura praticamente si sovrappone alle maglie 6 e 7 poste dal lato delle ore 12. Il risultato e’ che con il bracciale chiuso restano “libere” 5 maglie su entrambi i lati e quindi la chiusura risulta centrata rispetto alla cassa.
    Applicando invece la regola generale sopra descritta, con il bracciale allacciato la chiusura si verrebbe a trovare in una posizione “decentrata”, ossia piu’ vicina alle ore 12 e piu’ lontana dalle ore 6, ossia una posizione che personalmente non gradisco.
    Come ho detto all’inizio, se questa e’ la regola generale ne prendo atto, ma allora vuol dire che anche in questa occasione io mi trovo al di fuori delle regole e tutto sommato la cosa non mi sorprende.
    Saluti.

  32. Complimenti per la dettagliata analisi completa di foto modificate! Ti sei preso a cuore l’argomento 🙂
    Concordo con te per quanto riguarda la mia preferenza: io ho tutti i bracciali con più maglie lato 12. E fino a poco fa credevo fosse la regola generale perchè, come ho già scritto, l’orologiaio del mio paesino, che è molto in gamba e stimo, mi ha sempre presentato questa disposizione in fase di regolazione e non ho mai indagato più a fondo per conto mio o su internet.
    Prendo comunque atto di quanto riporta Enrico Cannoletta (fermo restando che preferisco la chiusura centrata come descrive mirko017), fa sempre piacere imparare, grazie Enrico.

  33. Ciao a tutti.
    Ogni regola può avere le sue eccezioni, e inoltre è giusto che ognuno abbia i suoi gusti, ma purtroppo non posso che confermare la regola generale, che non dipende nè da me, nè da Mirko e neppure da lamapss.
    Da quando esistono i bracciali in acciaio la regola è questa!
    Chiaramente se i bracciali presentano particolari esigenze è opportuno seguirla.
    Il mio discorso verteva sulla domanda generica che si era proposta.
    Questo non è certo un argomento su cui nei corsi di specializzazione ci si sofferma molto, ma è una delle prime regole estetiche che vengono impartite.
    Salutissimi.

  34. Il venditore ebay non ha risposto, mi sa che lo compro lo stesso sperando che la spernatrice abbia una punta con un diametro adatto.
    Detto questo non appena mi arriva il tutto tolgo un’altra maglia dal bracciale perché adesso ci entra abbondantemente il dito, al massimo poi se diventa un po’ stretto posso sempre regolare la cassa allungandola leggermente.

  35. Vai tranquillo la spernatrice andrà benissimo…
    Forse per “cassa” intendi la chiusura, la deployante? La cassa è la sede del movimento o calibro volendo forse essere più precisi 😉

  36. Si pardon, intendevo la chiusura del bracciale 🙂

  37. Volevo aggiornarvi che ho mandato a ritirare il kit cinese con i 16 attrezzi, tra i quali c’è anche la spernatrice… kit arrivato un po’ di giorni fa… mi son messo con calma a e pazienza a togliere la maglia che secondo me era in eccesso e difatti ora l’orologio lo sento meglio al polso, al massimo se lo voglio leggermente più largo allungo la chiusura visto che è possibile con questo citizen… che dire spernatrice comoda…. punta che entra nel foto delle maglie senza problemi, unica cosa,si deve far un po’ di attenzione a beccare il foro quando si inizia ad avvitare il manico… questo perché non resta molto spazio tra il bordo delle maglie e la punta, quindi si fa fatica a vedere… per precauzione ho messo un po’ di carta gommata nel bordo della maglia da sfilare… 😀
    Invece i tre mandrini son tutti troppo grossi quinti a limite ne dovrei limare uno se volessi usare quello, cosa cmq facilmente fattibile.
    Detto questo sono anche andato da quello che mi ha perso i due blocca perni quando mi regolò il bracciale… all’inzio si è girato un po’ così, io però senza mezzi termini gli ho detto che dato che li aveva persi lui è ora compito suo recuperarli.. si è appuntato la cosa, vediamo… sto ancora aspettando… son fiducioso 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *