Difetto SkyHawk

Buongiorno a tutti.

Innanzitutto voglio ringraziarvi per gli utili consigli che mi avete dato per la scelta dell'orologio, fugando tutti i miei dubbi a proposito di tempi di ricarica dell'accumulatore e radiocontrollo.

Vorrei però segnalare un difetto di questo orologio. Non tanto un guasto, quanto un errore, credo, di progettazione. Ammetto di essere ancora in fase di studio del manuale, ma non ho trovato nulla che mi faccia pensare diversamente. Sarei però felice che qualcuno mi dicesse che sbaglio, spiegandomi, però, anche il motivo.

IL problema è questo: selezionando la funzione “CAL”, la data visualizzata non è la data della città visualizzata nel display di sinistra (e di cui è visualizzata l'ora con le lancette), ma la data della città visualizzata nel display di destra.

Esempio: Città nel display di sinistra: ROMA. Città nel display di destra NEW YORK CITY. Ora locale (di ROMA) indicata dalle lancette: 12:30 (PM). La data corretta doveva essere “3 Feb”  mentre nel display compariva “2 Feb”. A meno di non selezionare ROMA anche nel display di destra. In tal caso la data è “3 Feb”.

Quindi se una persona di Roma si recasse a New York, se volevve visualizzare con le lancette l'ora di New York vedrebbe come data quella di Roma e viceversa.

Sbaglio qualcosa?

Ciao a tutti


36 Commenti

  1. Ciao AndreaE65,
    la visualizzazione della data è quella relativa al display digitale più importante, in quanto è in base alle indicazioni di quest’ultimo che l’orologio svolge le funzioni per cui è programmato.
    Salutissimi.

  2. AndreaE65

    Ciao Enrico.
    Quindi tu mi dici che la data è relativa all’ora del display di destra (display 1).
    Però le lancette delle ore e dei minuti seguono le indicazioni del display di sinistra (display 2).
    Quindi vuol dire che, a meno di non indicare la stessa città sia sul display 1 che sul display2 la data non è collegata all’ora delle lancette.
    Normalmente uno legge le ore sulle lancette, relative alla cità per cui l’orologio sincronizza l’ora, e vorrebbe, di conseguenza, leggere la data relativa alla stessa città e non quella del secondo fuso orario…

    Ciao

  3. @AndreaE65,
    ciò avviene in quanto la data è programmata sul display e non esiste un sistema di sincronizzazione analogico-digitale.
    Ciao.

  4. AndreaE65

    Scusa Enrico, ma non capisco:
    Perchè “…non esiste un sistema di sincronizzazione analogico-digitale.”?
    Se io imposto ROM su entrambi i display i ore/minuti/secondi “digitali” corrispondono ai ore/minuti/secondi “analogici”.

    In ogni caso: tra l’utilità della data del secondo fuso orario e la data della località principale non c’è confronto: la prima è sicuramente più utile ma non c’è. C’è la seconda, e questo è il difetto.

    Ciao

  5. ora non ho lo Sky con me…ma il modo esiste eccome. il mio visualizza Roma sia nel display di sx che in quello di dx. quindi in modo Cal a dx ho le info (ora e data) relative al mio fuso orario.

  6. AndreaE65

    Infatti, Marco.
    Questo è l’unico modo e così ho fatto anchio.
    Ma così cessa l’utilità del secondo fuso orario.

    L’orologio ha in memoria in forma digitale sia l’ora visualizzata in analogico con le lancette, sia l’ora visualizzata, con la funzione TME, nel display di destra.
    Citizen avrebbe dovuto sincronizzare la data con l’ora visualizzata in analogico con le lancette.

    Ciao

  7. Ciao Andrea E65.
    Cerco di spiegare usando meno termini tecnici possibile e semplificando al massimo:
    la sincronizzazione della data avviene applicando una tensione digitale (1 o 0) alla base di un circuito chiamato “porta logica”, la quale riconosce diverse condizioni.
    Se una o due di queste condizioni (a seconda del tipo di porta logica) vengono rispettate o meno, si otterrà all’uscita della porta un dato positivo o negativo.
    E’ questo il dato che determina lo scatto della data.
    La data e il suo circuito sono indissolubilmente legati all’ora impostata manualmente sul display a destra.
    Non entro nel merito dell’utilità o meno, ma il funzionamento è quello.
    Probabilmente dovendo scegliere tra avere la lettura della data corretta solo nel caso di utilizzo del secondo fuso, oppure averla nel funzionamento normale, Citizen ha scelto questa seconda. Entrambe non si potevano ottenere, almeno con questo circuito.
    Spero di essermi espresso in modo chiaro e comprensibile.
    Salutissimi.

  8. @AndreaE65.
    Aggiungo che il dato binario che conserva in memoria l’ora analogica (lancette), non contiene la posizione 12/24 ore e quindi non sarebbe sufficiente a determinare il cambio di data.
    Ciao.

  9. AndreaE65

    Perchè non dovrebbe esserci l’informazione delle 12/24 ore?
    Alla fine questo orologio è come un computer con delle celle di memoria in cui vengono memorizzate almeno le due ore. Però sul quadrante c’è l’indicazione delle 12/24 e credo che questa indicazione riguardi l’ora analogica (infatti non cambia cambiando la città sul display di destra) e viene memorizzata in quanto se effettui il controllo della posizione di riferimento, questa si sposta e poi ritorna all’indicazione corretta.
    Quindi tutti i dati ci sono.

    Ciao

  10. @AndreaE65.
    Non devi confondere l’indicazione analogica della posizione di una lancetta che potrebbe essere anche inserita con un’altra angolazione, con il dato binario che può essere prelevato ai fini del funzionamento del circuito.
    Mi spiego meglio: quando l’orologio viene assemblato le lancette vengono posizionate fissandole sui perni delle ruote appropriate. La posizione al 12 o al 24 del quadrantino viene adattata in quel momento accordandola su quella delle lancette principali.
    Quindi non sempre un dato di indicazione corrisponde al dato elettronico, nel senso che in effetti non preleva alcun dato. Ed essendo una funzione meccanica, non può fornirlo (almeno in questo caso).
    Ciao.

  11. AndreaE65

    Enrico, porta pazienza ancora un pò e ti faranno Santo.

    Quando esegui il controllo della posizione di riferimento, la lancetta delle 12/24 si sposta e si posiziona sulle 24.
    Quando poi termini questa operazione, la lancetta ritorna dov’era prima: in questo caso non ha pescato l’informazione da qualche parte in memoria?

    Comunque, in ogni caso, indipendentemente dal funzionamento dell’orologio e da quanti byte di memoria possiede, non mi sembra corretto che l’unica data visualizzabile non sia quella relativa alla lancette.

    Ciao

  12. Andrea, sperando di avere capito bene il tuo problema (ho un sailhawk con un meccanismo simile) posso dirti che ogni tanto l’indicazione del calendario trae in inganno anche me.
    Il funzionamento in realtà è corretto perchè l’indicazione della data è conseguente alla scelta di un fuso; imposto il mio orario locale che viene visualizzato sulle lancette e sul display (con entrambi gli indicatori su Rom). Se voglio sapere che ore sono a New York porto l’indicatore su time e con il cursore seleziono la città, che verrà indicata sul display come NYC e la visualizzo correttamente. Se a questo punto sposto il selettore su CAL la data visualizzata sarà comunque riferita al fuso secondario scelto, perchè legata all’ora. Anche la presenza o meno dell’ora solare/legale sempre sull’orario secondario condiziona il calendario, ed è corretto che sia così.

    A me è capitato diverse volte di schiacciare inavvertitamente con il polso i tasti e cambiare il fuso orario, con conseguente cambio di data e ora indicate.
    Se trovi la funzione fastidiosa dovrebbe essere possibile disabilitare determinati fusi orari (il mio sailhawk è quasi identico al vecchio skyhawk). Io disabilitato tutte le città e ho lasciato solo ROM in modo tale che l’indicazione è sempre corretta, senza rischio di cambiarla.
    Se ho la necessità di abilitare un’altra città entro nelle impostazioni SET e la riabilità in 5 secondi.

  13. AndreaE65

    Kilo, hai perfettamente ragione.
    Infatti anch’io ho impostato ROMA su entrambi i display, così risolvo il problema.
    Ma se consideriamo quella funzione pensata per i viaggiatori, cioè che premendo contemporaneamente i tasti A e B l’orologio scambia le due città ed i relativi orari: immagino quando uno di ROMA (con ROM sul display di sinistra e NYC su quello di destra) vola a NEWYORK.
    Gli basta premere insieme i tasti A e B per vedere nelle lancette l’ora di NEWYORK e nel display quella di ROMA.
    Quando arriva a casa gli basta ripremere A e B per rivedere sulle lancette l’ora di ROMA e sul display quella di NEWYORK.
    Peccato che quando è a ROMA vedrebbe la data di NEWYORK e a NEWYORK la data di Roma.

    Fortunatamente io non viaggio così spesso…

    Ciao

  14. Ciao AndreaE65,
    il posizionamento dell’ora di riferimento serve proprio a centrare le lancette alla posizione di partenza.
    Non è memorizzata dall’orologio la condizione “lancetta – 12”, ma è l’utente che programma la posizione portando la lancetta sul 12. Da quel momento e fino a modifiche successive il riferimento sarà quello.
    Tanto è vero che molti lettori constatano un malfunzionamento dell’orologio dovuto proprio alla non corretta disposizione delle lancette nell’ora di riferimento.
    Il dato che come giustamente dici tu “viene pescato”, è quello di partenza per armonizzare il sincronismo di tutte le funzioni.
    Non è quindi una questione di byte di memoria ma di ordini che andrebbero in contrapposizione ad altre funzioni.
    Negli orologi analogico-digitali, non bisogna far l’errore di ragionare in termini esclusivamente elettronici, perchè l’indicazione analogica ha determinati limiti.
    Non riesco a spiegartelo meglio: dopo aver programmato la posizione di riferimento per fare in modo che le lancette siano sincronizzate, esse si muovono in base alle funzioni richieste, e non possono prendere posizioni diverse.
    Per by-passare il problema risulta quindi logico che il progettista leghi all’indicazione del display lcd anche le funzioni della data.
    Spero non averti confuso di più le idee.
    Ciaooooo.

  15. AndreaE65

    Enrico, io parlavo di “controllo del posizionamento” e non di “regolazione della posizione di riferimento”.
    In questa fase di controllo, l’orologio continua a misurare (senza mostrare) l’ora. Ma la lancettina delle 12/24 si posiziona in alto e si ferma.
    Ma, ripeto, internamente i secondi continuano ad avanzare, così pure minuti e ore.
    Quando esco dal “controllo”, la lancettina si posiziona nel punto corretto. Questo, l’orologio riesce a farlo perchè sa esattamente dove si trova la lancettina e sa esattamente dove deve andare in base all’ora di quel momento, che ha in memoria.
    Quindi l’informazione c’è.
    Che poi l’orologio è realizzato in un certo modo in base a scelte progettuali, è un dato di fatto.
    Ciò non toglie che poteva essere pensato diversamente.

    Tieni conto anche questo:
    Normalmente in un orologio con datario come ad esempio il “CronoPilot”, la data è la data che ci si aspetta, quella sincronizzata con le lancette delle ore.
    Perchè in un orologio con una funzione in più, il 2° fuso orario, dovrei perdere la funzione della data del luogo in cui mi trovo?

    Ciao

  16. mirko017

    Ciao AndreaE65,
    secondo me tutto nasce dal fatto che lo Skyhawk ha due diversi modi di indicare l’ora (uno analogico con le lancette ed uno digitale con il display destro) e un solo modo per indicare la data (appunto il display destro).
    Da cio’ deriva che, qualunque sia la scelta progettuale, non sara’ mai possibile indicare contemporaneamente due date diverse.
    Ora possiamo discutere all’infinito se sia migliore la soluzione adottata dai tecnici giapponesi oppure quella che vorresti tu.
    Sono sicuro che in entrambi i casi qualcuno potrebbe lamentarsi sostenendo che era meglio l’altra soluzione.
    Evidentemente ai tecnici giapponesi sara’ sembrata migliore la scelta che hanno adottato, o magari era semplicemente quella tecnicamente piu’ facile da praticare. Sta di fatto che l’orologio e’ fatto cosi’.
    Ti diro’ di piu’: mi pare che anche il piu’ recente calibro U680 (che in Giappone ha sostituito il vecchio U600, quello dello Skyhawk) funzioni allo stesso modo.
    Saluti.

  17. @AndreaE65.
    Giusto quanto dice mirko017.
    Quando tu dici “l’informazione c’è”, devi considerare che l’informazione è la posizione del momento ma rispetto all’ora di riferimento, NON l’ora esatta!
    Mi dispiace perchè ho capito cosa vuoi dire ma non riesco a spiegarti che tecnicamente si è imposta una scelta, e i programmatori l’hanno fatta (giusta o sbagliatra che sia).
    Forse in futuro potranno anche risolvere questo problema, ma non prelevando un dato che attualmente non c’è.
    Ciao.

  18. AndreaE65

    Ciao.
    Giustamente dite che i tecnici hanno fatto una scelta, che non si poteva indicare entrambe le date.
    Pensate una cosa: Se aveste due fusi orari diversi, qual’è l’indicazione principale dell’ora? Analogica o digitale? Voi l’ora dove la guardereste, sulle lancette o sul display digitale?
    Perchè l’unica data presente dovrebbe essere quella del display digitale?

    L’orologio è fatto così, ma mi piacerebbe sapere la logica che ha fatto preferire questa modalità rispetto all’altra.
    Io sono programmatore a volte per realizzare una funzione ci sono diverse strade, ma mai ho basato la mia scelta solo sul fatto che era più semplice da realizzare, ma soprattutto sul fatto che il risultato fosse più semplice da utilizzare.
    Perchè una logica c’è senz’altro e voglio sperare che la risposta non sia “la strada più semplice”.

    Comunque, nessun problema. Fortunatamente il difetto è abbastanza facilmente aggirabile impostando la stessa città, ma così si perde una funzione, che fortunatamente per ora non mi interessa più di tanto.

    Ciao a tutti.

    @Enrico
    Ciao

  19. Ciao AndreaE65.
    Il tuo discorso non fa una grinza.
    Ciao

  20. Sarei quasi propenso a pensare che trattandosi di una evoluzione dei calibri c650 del vecchio skyhawk o c660 del sailhawk nonostante l’aggiunta dell’indicazione del fuso locale, la funzionalità di orario e di conseguenza della data ad esso associato sia legata solo alla scelta della secondo fuso.
    Per accontentare tutti sarebbe servito un’ulteriore indicazione di data locale.

  21. AndreaE65

    Intanto correggo una frase che, rileggendo ora, potrebbe essere poco chiara.
    La frase “Perchè l’unica data presente dovrebbe essere quella del display digitale?” diventa:
    “Perchè l’unica data presente dovrebbe essere quella relativa all’ora del display digitale?”

    @kilo:
    Basterebbe che la data visualizzata sia quella dell’ora principale.

    Ciao.

  22. Ciao a tutti sono nuovo di questo blog, ma più in generale sono nuovo a qualsiasi blog.
    Allora innanzitutto premetto che non so come segnalare il mio problema, nel senso che avrei voluto aprire una conversazione, ma non so come si fa.

    Approfitto di questo spazio per segnalare il mio problema con la CHIUSURA del cinturino in titanio montato su questo fantastico Orologio, per l’appunto lo Skyhawk.

    Premetto che l’ho acquistato a ridosso dell’estate 2010, dunque giravo ancora in maniche corte. Voi direte “Embè che me ne frega di come va in giro vestito questo?”. Presto Detto!
    Il problema con la chiusura dello Skyhawk si è presentato proprio nel momento in cui ho messo il mio giubbottino da mezza stagione con manica lunga chiusa al polso da un elastico. In pratica con alcuni movimenti del polso, la chiusura si apriva DA SOLA.
    In pratica la sommità della manica fatta su tessuto elastico, premeva un pulsantino mentre il polso stesso premeva l’altro…
    Ho cercato DAPPERTUTTO notizie su internet riguardanti segnalazioni di questo problema ma niente, nessuno sembra aver mai lamentato questo difetto, che è un difetto di fabbrica in quanto ho mandato l’orologio in assistenza, mi hanno cambiato la chiusura, ma non è cambiato assolutamente nulla.
    Alla fine ero diventato talmente bravo, che riuscivo ad aprire la chiusura al primo colpo, anche senza manica lunga, con le grinze della pelle del polso…
    Insomma non potevo assolutamente stare con una chiusura del genere e con il terrore di veder volare il mio orologio, così ho scoperto che la chiusura di un altro modello in titanio è compatibile con quella dello Skyhawk.
    Con 20 Euro me l’hanno ordinata e montata, ma senza di questa devo dire che sarei stato davvero deluso.

    Ciao

  23. mirko017

    Ciao Pigui,
    intanto benvenuto in Citizenmania.
    Un problema simile era gia’ stato segnalato qui da un altro utente, mi pare fosse Dasca, pero’ riferito ad un altro modello ossia l’Evolution 5, che comunque ha un tipo di chiusura analoga.
    Personalmente ho due Skyhawk, uno in acciaio acquistato in Italia ed uno in titanio proveniente dagli Stati Uniti (e’ una versione speciale dedicata alla pattuglia acrobatica Blue Angels), ma non ho mai avuto questo problema e, come tu stesso hai constatato, non e’ facile trovare in giro segnalazioni al riguardo.
    Evidentemente sia tu sia l’altro utente di cui ti parlavo avete un polso “particolare”, o quanto meno riuscite a piegarlo in una misura a me sconosciuta, per cui non mi sentirei di parlare di “difetto di fabbrica”.
    Comunque l’importante e’ che tu abbia trovato una soluzione al tuo problema.
    Personalmente ti confesso che non mi piace moltissimo il tipo di chiusura presente sul bracciale dello Skyhawk, ma per un altro motivo: in questo tipo di chiusura non sono piu’ presenti quei fori di regolazione fine che consentivano di allungare o accorciare il bracciale di pochi millimetri e che erano utilissimi in tutti quei casi in cui non si riusciva a trovare la lunghezza giusta togliendo o aggiungendo maglie.
    Purtroppo mi pare che sui nuovi modelli (Skyhawk, Evolution 5, World Timer) la tendenza sia quella di adottare questo stesso tipo di chiusura anziche’ quella precedentemente usata ad esempio sul Pilot.
    Saluti.

  24. Ciao Pigui,
    solitamente problemi come quelli da te lamentati sono attribuibili alla regolazione del bracciale.
    Bastano in effetti pochi millimetri di gioco di troppo per far si che il polso prema il pulsantino di apertura.
    In questo caso però, se è bastata la sostituzione della chiusura senza modificare la lunghezza del bracciale, il problema sarebbe diverso.
    Per il resto confermo le indicazioni date dall’amico mirco017.
    Salutissimi.

  25. @Pigui.
    Mi sorge un dubbio.
    Non è che la chiusura che hai adattato è leggermente più lunga o più corta dell’originale.
    In questo caso risulterebbe valida l’analisi della lunghezza che avrebbe potuto essere risolta con un miglior bilanciamento delle maglie del bracciale (magari anche solo spostando una maglia da una parte all’altra della chiusura.
    Ciaoooooooooooo.

  26. @Enrico @Mirko

    Avevo provato a togliere una maglia e spostarla dalla parte opposta, tuttavia il problema persisteva.
    A mirko tuttavia volevo far notare che i fori di regolazione erano presenti nella mia ex chiusura difettosa.
    La chiusura che ho adesso è invece provvista di quella fascetta di sicurezza che rende impossibile l’apertura involontaria, credo che sia la stessa del Pilot.

    Essendo stato un problema molto fastidioso, mi è sembrato opportuno segnalarlo, cosicchè qualcuno che magari ne lamenta uno simile, possa trovare conforto.
    Ciao

  27. mirko017

    Ciao Pigui,
    hai ragione, anche nel mio Skyhawk “americano” in titanio ci sono i fori di regolazione, ma sono solo due anziche’ i soliti tre che erano presenti nelle chiusure del Pilot, del Crono Pilot, ecc.
    Invece nell’altro Skyhawk in acciaio che avevo acquistato in Italia nel 2008 i fori non ci sono proprio.
    Evidentemente e’ una modifica che hanno introdotto nelle versioni in titanio.
    Saluti.

  28. Ragazzi della Citizen
    come disse il colonnello Doolittle nella seconda guerra mondiale, non esiste dedizione più forte di quella di un volontario.Ebbene, noi siamo volontari appassionati di orologi. Uno non possiede 20/30 orologi se non fosse un “cronotossico” come il sottoscritto. Per questo motivo riusciamo a trovare sempre il pelo nell’uovo. Lo skyhawk che e’ una bellissima macchina ha pero’ il difetto della data e non e’ un difettuccio è un difetto di grande portata. Lo possiedo e siccome amici vivono ad Honolulu, lo tengo settato ( dislpay di Dx ) su quel fuso orario, non mi sta’ pero’ bene che la data scatti a mezzogiorno ossia alla mezzanotte di Honolulu. Dato che funziona a chip, si doveva prevedere un settaggio della data a scelta del cliente, fra’ ora lancette ( ora locale ) ed ora fuso/i
    Grazie a presto.
    Rudy Piralla
    45°57’N; 8°26’E
    skyhawk radio
    nighthawk
    crono pilot radio

  29. vincenzo

    Buonasera a tutti gli appassionati di questa fantastica marca ,volevo porgervi una domanda per non dire curiosità ho notato che stà per uscire un nuovo citizen tutto interamente al titanio black compreso di cinturino il suo nome è skyhawk promaster pmv65-2242 in serie limitata ,solo 3000 pezzi dal prezzo intorno alle 950 euro , non poche,ci sono delle buone possibilità che arrivi anche in italia per poterlo ammirare dal vivo,con questo vi saluto e grazie .

  30. Francesco C

    Vincenzo: se non mi sbaglio l’orologio che ti interessa è uscito in Giappone nell’estate del 2007 e non si può quindi considerare una novità assoluta.
    A mio parere se finora Citizen Italia non lo ha importato sarà difficile che cominci a farlo adesso, il che però non vuole dire che non lo si riesca ad avere. I canali possibili sono vari e tutti online, con una buona ricerca fatta con calma non è difficile trovarlo, per esempio su Ebay.

  31. mirko017

    Ciao Vincenzo,
    ti confermo cio’ che ti ha detto Francesco, quella che hai visto e’ una versione dello Skyhawk uscita nel 2007 sul mercato giapponese e che da noi non e’ mai arrivata.
    Non escludo che tu possa ancora trovarla in rete, ma certo dopo 6 anni bisogna vedere a quale prezzo e a quali condizioni. Comunque tentare non nuoce.
    Se ti puo’ interessare, considera che una versione simile, pero’ in acciaio, quindi molto piu’ pesante, e’ disponibile ancora adesso negli Stati Uniti con il codice JY0005-50E Black Eagle al prezzo di 699 Dollari.
    Rispetto alla versione che hai visto tu, oltre alla differenza di materiale questa presenta anche una diversa colorazione del quadrante ed il vetro minerale anziche’ zaffiro, inoltre anche la chiusura del bracciale e’ diversa, dal momento che il tipo di chiusura giapponese e’ fornito solo in Giappone.
    Saluti.

  32. Francesco C

    Aggiungo a quanto detto da Mirko che fra le due versioni balla circa un etto di peso, 130 grammi quella in titanio e 230 grammi quella in acciaio. Una differenza da non trascurare, a me per esempio che ho lo Skyhawk in acciaio il peso dava proprio fastidio e sono dovuto passare dal bracciale ad un cinturino in pelle.

  33. AndreaE65

    @FrancescoC
    Ma perchè, esiste anche uno Skyhawk in acciaio?

  34. mirko017

    Ciao AndreaE65,
    certo che esiste lo Skyhawk in acciaio, del resto se cosi’ non fosse buona parte dei messaggi precedenti non avrebbero avuto senso, non trovi…?
    Per la cronaca, attualmente in Italia viene importato solo quello in titanio, ma inizialmente, parlo del 2008, veniva importato solo quello in acciaio.
    In altri paesi del mondo, ad esempio Stati Uniti, Inghilterra, ma anche Spagna, esistono ancora entrambe le versioni, acciaio e titanio.
    Ci sono poi in circolazione nel mondo molte varianti e/o versioni speciali, tutte pero’ rigorosamente non importate in Italia.
    Saluti.

  35. Francesco C

    Quando è uscito in Italia lo Skyhawk era disponibile solamente nella versione in acciaio (JY0000-53E se non erro), quella in titanio è arrivata qualche tempo dopo ed è poi rimasta l’unica disponibile qui. Io l’avevo comperato subito e quindi mi è capitato quel modello.

  36. AndreaE65

    ah, ecco, perchè quando l’ho preso io esisteva solo la versione in titanio.