assistenza Citizen Italia per AT4007-54E

Buonasera a tutti

sono in possesso di un citizen AT4007-54E nuovo, acquistato direttamente in America
ora sono in procinto di venderlo per necessita’, anticipo che l’orologio e’ nuovo mai indossato, solo che il ragazzo che vorrebbe acquistarlo ha chiesto al direttamente a Citizen Italia se possono fornire assistenza su questo modello e la loro risposta e’ la seguente:

Buongiorno Sig. xxx,

grazie per averci contattati.

Siamo spiacenti ma non forniamo assistenza diretta su articoli non commercializzati sul mercato Italiano in quanto non abbiamo la possibilità di approvvigionarci delle parti di ricambio necessarie.

Cordiali saluti
Citizen Watch Italy

adesso mi chiedo io come sia possibile, scusate il termine ma mi sembra una enorme cavolata o sbaglio?
Citizen che dovrebbe essere a livello mondiale, addirittura il mio modello ha come fasce orario anche Londra, non puo’ fornire assistenza al mio modello nel caso ne avesse bisogno? ripeto al momento non ne ha bisogno perche’ e’ nuovo, ma giustamente il signore vorrebbe un minimo di tranquillita e lo capisco
ma anche io, che ho anche il modello AT4010-50E in titanio, mi chiedo.. ma se sfortuna vuole un domani dovessi avere bisogno di assistenza mi devo per forza fare assistere in America??

Io nel mondo Citizen ci sono entrato solo da pochi mesi con questi due orologi quindi non la conosco bene, qualcuno cosi’ gentile che mi possa dare qualche info o pareri?

ringraziando anticipatamente porgo
distinti saluti


1 Commento

  1. Francesco C

    Sono al corrente da tempo di questa politica di Citizen e devo dire che pur non apprezzandola per nulla io ne comprendo le ragioni.
    Se si va a fare un giro sui siti Citizen di vari paesi come USA, Giappone, Singapore, nazioni del sud est asiatico, si vede come la gamma completa sia composta da migliaia di modelli. Molti di questi sono commercializzati solo sul mercato locale.
    Per l’aasistenza Citizendi un latro paese, al di là dei ricambi, intervenire su questi orologi vuole dire addestramento del personale e logicamente garanzia sui lavori eseguiti. Magari poi una persona che ha comperato uno di questi esemplari durante un viaggio lo manda in assistenza una volta per cambiare la batteria o una guarnizione. E bisogna essere pronti ad intervenire su qualunque modello. A me sembra improponibile e la soluzione scelta da Citizen è forse un po’ brusca ma pare anche l’unica praticabile. L’addestramento dei tecnici e la
    disponibilità di ricambi sono circoscritti ai soli modelli importati.
    Io ho sei Citizen non disponibili qui ma ho notato che per fortuna sono stati venduti anche in Inghilterra e quindi in caso di problemi dovrò arrangiarmi a mandarli là.

    In realtà in caso divenisse necessario sostituire la batteria ricaricabile, unico intervento che ritengo possa capitare abbastanza spesso, anche se a me per ora è successo su un Seiko ed un Casio solari e mai su un Citizen (su più di 20 orologi), un bravo orologiaio è in grado di farlo in mezz’ora e un o-ring che si adatta alla cava lo trova quasi di sicuro. La batteria usata dagli Eco-Drive è la stessa Panasonic che impiegano anche gli altri e si trova a 15 Euro su eBay.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *